Vede i carabinieri e fugge: in auto nascondeva 240 kg di rame

0
35
 

Aveva i suoi buoni motivi per fuggire alla vista dei militari. Il giovane, un cittadino moldavo di 29 anni già noto alle forze dell’ordine e irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato questa mattina dai carabinieri del nucleo radiomobile di Roma con l’accusa di ricettazione aggravata. I militari, mentre percorrevano via del Cappellaccio, hanno notato che lo straniero, alla guida della sua auto, subito dopo averli visti in lontananza ha repentinamente fatto inversione di marcia.

I carabinieri, vista la situazione, lo hanno inseguito per alcuni chilometri riuscendo a bloccarlo sul viadotto che collega Roma a Fiumicino, all’altezza di Parco de’ Medici. Durante la perquisizione dell’auto del fuggitivo, i militari hanno scoperto il motivo del suo strano comportamento: una matassa da 240 kg in cavi di rame. Gli accertamenti hanno permesso di accertare che il materiale era stato rubato da alcune cabine elettriche della società Acea.

I cavi sono stati consegnati a un incaricato della società mentre l’auto e i numerosi attrezzi da scasso rinvenuti nell’abitacolo sono stati sequestrati. L’uomo è stato portato in caserma e successivamente nel carcere di Regina Coeli, dove rmarrà a disposizione dell’autorità giudiziaria.