Movida, rivoluzione nel traffico a Ponte Milvio

0
35
     

Rivoluzione del traffico nei pressi di Ponte Milvio. Con una risoluzione appena votata dal parlamentino del Municipio XV si apre la stagione che porterà alla  sperimentazione della chiusura al traffico per tutto il mese di settembre in un tratto Via Flaminia, quello con la maggior concentrazione di bar, locali e ristoranti, dove si concentra la movida. Alla sperimentazione seguirà un tavolo di concertazione con il territorio per la ricerca di una soluzione condivisa sulla vita nottorna della zona.

«La movida notturna – come spiegano dal Municipio – insiste sul Piazzale di Ponte Milvio non solo durante il periodo estivo ma durante tutto il corso dell'anno, in particolar modo nei fine settimana. Non si è ritenuto che la ZTL, così come eseguita fino alla scorsa estate, possa costituire la soluzione adeguata per risolvere i problemi legati all'ordine pubblico ed alla viabilità. Essendo inoltre Piazzale di Ponte Milvio un fondamentale punto di passaggio per tutti i residenti che vivono nelle vie limitrofe al piazzale, è stato considerato di primaria importanza permettere agli abitanti della zona di poter attraversare la piazza a qualsiasi ora ed in qualsiasi giorno della settimana».

Il tratto di Via Flaminia compreso tra Piazzale Ponte Milvio e Via Riano (con conseguente chiusura di Via Bolsena da Via Cassia) sarà dunque aperto per il mese di settembre solo ai residenti. Un'ulteriore periodo di sperimentazione potrebbe essere il mese di ottobre. «Siamo consapevoli del fatto che si tratti di una sperimentazione – hanno dichiarato il Vicepresidente del Municipio XV Alessandro Cozza e l'Assessore alla Mobilità Elisa Paris – e che sia quindi necessario testarla sul campo, ma siamo sicuri che attraverso il tavolo di concertazione, che si occuperà inoltre del Piano di Massima Occupabilità e di una riforma strutturale, si riuscirà ad arrivare ad una soluzione definitiva sulla questione movida a Ponte Milvio. Ascoltare i pareri e le opinioni dei cittadini e delle parti interessate costituirà l'elemento portante del nostro modus operandi».