Roma, la polizia fa luce sulla sparatoria al Casilino

0
27
     

Si comincia a fare luce sui colpi di pistola che ieri pomeriggio sono volati fra i palazzi in via Biagio Platani, nel quartiere alle spalle di Tor Bella Monaca, in zona Casilino.  I poliziotti hanno rintracciato l'autore, è un 57enne di origini calabresi, e indicato le prime ipotesi sulle cause, dissidi legati allo spaccio di droga.

Ancora da capire, invece, a chi erano destinati quei tre proiettili che ieri hanno fatto scattare l'allarme fra gli abitanti del quartiere. Il primo a sentire gli spari è stato un uomo affacciato alla finestra sulla via, il quale ha avvisato il 113.

Secondo la ricostruzione dell'arresto fornito dalla questura, due equipaggi del reparto volanti hanno rintracciato l'uomo mentre si stava sbarazzando dell'arma (una pistola a tamburo) in un cespuglio e lo hanno portato in ufficio.

LEGGI ANCHE: Magliana, armato di bastone tenta rapina in un bar

Poi hanno portato a termine una "fruttuosa" perquisizione domiciliare: in cantina il "pistolero" nascondeva 74 cartucce di diverso calibro, 350 dosi di cocaina già confezionate e pronte per la vendita al dettaglio, e 80 grammi di hashish. Ora l'uomo dovrà rispondere di porto illegale d'arma clandestina e di detenzione a fine di spaccio di droga.