Roma, carabinieri arrestano 13 borseggiatori in due giorni

0
41

I carabinieri di Roma hanno effettuato negli ultimi due giorni degli appositi servizi di contrasto all’annoso fenomeno dei borseggi ai danni di turisti, riuscendo ad arrestare in diverse operazioni ben 13 borseggiatori. Le maggiori aree di interesse turistico, gli autobus e metro le mete preferite dai manolesta per compiere i loro furti, che sono state controllate da decine di pattuglie di militari in borghese supportate dalle pattuglie di carabinieri in divisa. I primi arresti a largo di Torre Argentina: due cittadine romene di 37 e 39 anni, con diversi precedenti sono state arrestate a bordo del bus Atac, linea 64, dai carabinieri della stazione Roma San Pietro, che le hanno sorprese subito dopo aver rubato il portafogli ad un turista italiano. Alla fermata della metropolitana “Barberini” un cittadino romeno, di 45 anni,  già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dai carabinieri dopo aver sfilato il portafogli dalla borsa di una turista. Nei pressi della fermata metro “Termini” i militari della stazione Roma Quirinale hanno invece arrestato una nomade 14enne, proveniente dall’insediamento di campo di Carne, “pizzicata” dopo aver sfilato l’I-Phone a una cittadina cinese. Nei pressi della fermata della metropolitana “Barberini”, i militari della stazione Roma Vittorio Veneto hanno arrestato due cittadini romeni, di 24 e 26 anni, già noti alle forze dell’ordine, fermati dopo aver alleggerito del portafogli un turista cileno. In via della Tibuna di Tor de Specchi, poi, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma San Pietro hanno sorpreso un cittadino tunisino di 36 anni, che poco prima avevano rubato il portafogli dalla borsa di una 16enne cittadina scozzese. Due nomadi di 22 e 24 anni, provenienti dal campo nomadi di via di Salone, l’altro pomeriggio, dopo aver “asportato” dalla borsa il portafogli ad una turista giapponese, in piazza Trevi, sono state arrestate dai carabinieri della stazione Roma San Lorenzo in Lucina. Poco più tardi all’interno della metropolitana linea A, alla fermata Repubblica, i carabinieri della stazione Roma Via-Vittorio Veneto, hanno pizzicato una coppia di cittadini macedoni di 41 e 50 anni, provenienti dal campo nomadi di Ciampino, entrambi già noti alle forze dell’ordine, dopo aver sfilato il cellulare I-Phone, a una turista straniera allontanatasi a bordo del convoglio. Infine sempre a bordo della metropolitana linea A, all’altezza della fermata di Piazza di Spagna, i carabinieri della stazione Roma Madonna del Riposo, hanno arrestato un cittadino romeno di 41 anni e un algerino di 49, sorpresi mentre tentavano di asportare il portafogli a un turista russo. Tutti i “manolesta” maggiorenni arrestati sono stati trattenuti nelle varie caserme mentre, la minore, è stata accompagnata presso il centro di Prima Accoglienza di Roma “Virginia Agnelli”, a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. In tutti i casi la refurtiva è stata recuperata dai militari e riconsegnata alle vittime.