San Giovanni, al via il taglio degli alberi. Cittadini incatenati in piazzale Ipponio

Sit in di protesta dei comitati contro il cantiere della Metro C. L'assessore Improta: «Faremo le opportune verifiche»

0
142

«Questa mattina alle 7 abbiamo occupato pacificamente piazzale Ipponio, bloccando per 4 ore l’abbattimento in corso di alcuni dei 300 alberi che dovrebbero essere tagliati per far posto al cantiere della tratta T3 della metro C: pini e platani secolari sottoposti al vincolo di verde storico. Denunciamo la mancanza di condivisione e partecipazione nelle scelte dell”amministrazione, dato che, pur essendo previsto un tavolo di discussione tra Comune, cittadini e Metro C per il 2 ottobre, il taglio degli alberi è gia” cominciato». Lo dichiarano in una nota le associazioni Cittadinanzattiva Lazio, comitato Porta Asinara, comitato San Giovanni, Progetto Celio, Respiro verde-Legalberi, Piazza Vittorio partecipata, Salviamo il paesaggio, Scup, Sans papiers, Cinecittà bene comune, Radicali ecologisti. Domani si terrà l’attesa riunione congiunta delle commissioni Bilancio, Trasporti e Mobilità. 792 milioni soltanto per gli scavi da San Giovanni al Colosseo, altri 370 per quelli dal Colosseo a piazza Venezia, tratta di cui non esiste alcun progetto e quindi neppure i finanziamenti. «Il taglio di oggi riguarda undici alberi ad alto fusto – ha spiegato l’assessore capitolino Guido Improta – mentre ho dato indicazione a Roma Metropolitane e Metro C di verificare le ragioni che mi hanno esposto i cittadini in relazione agli altri tagli previsti – che non sono direttamente in relazione alla realizzazione dell”opera, ma alla cosiddetta ”logistica di cantiere” – e di capire se e” possibile organizzarsi in maniera diversa, utilizzando spazi ora adibiti ad ospitare attivita” commerciali o altro. E’ evidente che bisogna rivedere i piani originali, in modo da salvaguardare al massimo il verde urbano. I tagli di oggi sono invece purtroppo direttamente collegati alla realizzazione di una infrastruttura, e quindi sono riconducibili al tracciato approvato per la realizzazione della metro C». «Un bene comune, come gli alberi e le zone verdi di San Giovanni – continuano i comitati – è sacrificato ancora una volta agli interessi privati, in perfetta continuità con le scelte della precedente giunta comunale. Infatti, piuttosto che spostare le bancarelle di via Sannio o utilizzare gli impianti sportivi di viale Ipponio, siti in terreni di proprietà comunale, si è preferito distruggere un pezzo del nostro patrimonio storico e paesaggistico».

È SUCCESSO OGGI...

Calciomercato Roma, oggi l’incontro per Kessiè. Dzeko verso il Milan?

Ore e giorni di fuoco in casa Roma. Non solo per l'imminente derby di campionato di domenica 30 aprile (ore 12.30), in cui i giallorossi si giocano contro la Lazio una fetta importante di...
regione lazio

Dopo 18 anni il nuovo piano sociale regionale 2017/19

Dopo 18 anni è stato presentato oggi alla Regione il piano sociale regionale per il triennio 2017-2019: uno strumento per rafforzare l’impegno per contrastare le disuguaglianze sociali e la povertà, e per garantire un...
tuscolano

Esplosione in pieno centro abitato a Cerveteri: intervengono i pompieri

Ieri 26 aprile 2017 alle ore 20.00 circa, i Vigili del fuoco di Cerveteri sono intervenuti per avvenuta esplosione all'interno della cucina di un appartamento sito in via di Gricciano, 14/A a Cerveteri.   i VVF...

Chiude la figlia in macchina e va a giocare alle slot machines

In preda alla febbre del gioco, ha preso l'auto della donna per cui lavora come badante, ha parcheggiato nei pressi di un bar di Villanova di Guidonia, chiuso la figlia di 7 anni in...

Presa a pugni dal compagno, si difende con un frigorifero

Un frigorifero dietro la porta e la chiamata al 112: così si è difesa dal suo aguzzino una donna di 46 anni che, in un anno e mezzo di convivenza, aveva già perdonato  il...