Tivoli, Stacchini è una discarica a cielo aperto

0
105
TIVOLI STACCHINI RIFIUTI

Un tempo era un polverificio che dava posti di lavoro a centinaia di persone nel comprensorio tiburtino. Oggi è una baraccopoli che è arrivata a triplicarsi nel giro di due anni, arrivando ad accogliere oltre 500 persone di nazionalità diversa. Disperati in cerca di un rifugio, magari in arrivo da Roma (oltre un terzo) e in affare con la malavita organizzata. Parliamo di Stacchini, ln’area di 70 ettari di Tivoli Terme. Una zona dimenticata.

Colma di cumuli di rifiuti di ogni tipo: liquidi industriali, rovine di elettrodomestici, tubi di plastica, ruote di gomma e poi eternit e rame da smaltire (illegalmente).

Una storia di sgomberi e continui ripopolamenti. La prima bonifica risale al 2007. L’ultimo sgombero è di venerdì scorso. Solo una formalità, una “minaccia” delle forze dell’ordine al fine di ristabilire l’ordine. Niente è cambiato. Ieri, a seguito di un sopralluogo del Movimento Tivoli Terme, è stato riscontrato un ampliamento della baraccopoli con rifiuti di ogni genere. Le associazioni hanno annunciato una protesta.«Mi chiedo come la politica possa far finta di niente – dice Salvatore Ravagnoli del comitato cittadino locale. C’è un’emergenza sociale, ambientale e umanitaria in corso e nessuno se ne accorge».

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU TIVOLI DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”34″]