Salute Roma, in tilt il pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Andrea

0
125
Ospedale Sant'Andrea Roma

Situazione insostenibile all’ospedale Sant’Andrea di Roma, sulla via di Grottarossa. E’ l’affollamento dei pazienti in attesa la malattia che colpisce il nosocomio della zona nord di Roma. I cittadini si recano in massa in Ospedale anche per la mancanza di strutture intermedie. A denunciare la situazione è l’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri che traccia il quadro: «I cosiddetti ”barellati” ogni giorno qui sono una cinquantina» spiegano e denunciano «le condizioni stressanti in cui opera il personale, schiacciato dal carico di lavoro».

Un pronto soccorso che in un anno deve fronteggiare circa 50 mila accessi e riceve 5.500 ambulanze con codici rossi, il tutto con 18 tra medici e infermieri, tra cui dei precari da troppo tempo. In queste condizioni al pronto soccorso del S.Andrea ogni medico deve gestire mediamente 35-40 accessi a turno. «E’ un’emergenza nell”emergenza- ha spiegato il presidente Roberto Lala- che non può perdurare. Non è da paese civile. Non è soltanto una questione di dignità della persona bisognosa di cure immediate ma anche un rischio concreto per la sicurezza dei pazienti e del personale. Personale che ho trovato esasperato per le condizioni in cui deve lavorare e che minano la capacita” di attenzione e diagnosi».

Il problema nasce, ancora una volta, dalla mancanza nel territorio di strutture intermedie cui il cittadino può fare ricorso in alternativa ai pronto soccorso e di una rete informatizzata che interfacci tutte le strutture di emergenza e ricovero, comprese quelle accreditate di riabilitazione e lungo degenza. Un quadro critico che non riguarda solo il Sant’Andrea.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]