Guidonia, niente mammografo. Donne si incatenano

0
44
mammografo guidonia

«La Direzione del Distretto ha attivato, per quanto di sua competenza, l’iter relativo all’acquisto di un nuovo mammografo di ultima generazione, essendo quello già in uso non più riparabile». Questa la nota dell’Asl dopo i tre mesi di stop agli esami di controllo al seno al Centro prevenzione tumori di Guidonia. Sul caso l’associazione Cipros ha annunciato per domani una manifestazione che vedrà alcune donne incatenarsi ai cancelli dell’azienda.

Per ora sono 210 le donne in lista d’attesa per l’esame, nonostante il lavoro di dirottamento verso la sede di Palombara. «Siamo consapevoli  – ha aggiunto il direttore del distretto – del disagio, ma informiamo che sono state messe in opera tutte le procedure di competenza atte a renderlo il più possibile temporaneo. E’ stato infatti attivato, per quanto di sua competenza, l’iter relativo all’acquisto di un nuovo mammografo». E ancora: «L’ex Cpt dipende dalla dalla Unità operativa di screening di Tivoli, struttura che, nell’attesa dell’acquisizione del nuovo mammografo, valuta il possibile utilizzo di altri apparecchi eventualmente disponibili a livello aziendale. E’ notizia del trasferimento del mammografo di Colleferro nei prossimi giorni presso i locali individuati per l’ex Cpt all’interno dell’Italian Hospital Group».

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU GUIDONIA DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”4″]