Sanità, il Santa Lucia: Regione ci ascolti o ospedale chiuderà

Grido di allarme del direttore generale Amodio. Ma non ci sarà chiusura: la Regione sta completando l'accreditamento

0
273

«La Regione Lazio non ci può prendere per il collo e farci chiudere o trasformarci in una Rsa. Deve rispettare le sentenze e pagare i debiti». Lo ha detto, all’agenzia Dire, il direttore generale della Fondazione Santa Lucia, Luigi Amodio, parlando della situazione della struttura di via Ardeatina. «Ci sono sentenze del Tar e del Consiglio di Stato che intimano alla Regione Lazio di pagare quanto dovuto alla Fondazione (circa 100 milioni di euro, ndr), ma da mesi andiamo avanti solo a riunioni inconcludenti con i commissari e i funzionari della cabina di regia- racconta Amadio- Zingaretti non lo vedo da luglio dello scorso anno. L’autorizzazione all’accreditamento è fermo da otto mesi e non si muove una foglia. Ci hanno ridotto del 40% l’acconto mensile che era già insufficiente. Finora siamo riusciti a pagare gli stipendi, ma ora non sappiamo più come fare».

TONI FORTI DALLA DIRIGENZA SANTA LUCIA – Secondo Amadio «nelle intenzioni della Regione c’è quella di trasformare il Santa Lucia in una Rsa, ma noi da 53 anni abbiamo un’esperienza sulla riabilitazione di grande complessità. E’ impensabile cambiare e gettare tutto alle ortiche. Allora meglio chiudere. Tra l’altro a Roma ci sono tante strutture vuote o inutilizzate che potrebbero assolvere al compito di Rsa, come il Forlanini». Il coordinamento Salviamo l’ospedale Santa Lucia si sta nuovamente mobilitando.

DALLA REGIONE RISPOSTA CHIARA – Pronta la risposta della Regione che in una nota ha spiegato che «non ha alcun interesse a interrompere la proficua esperienza dell”Irccs S. Lucia»: «La Regione Lazio si sta muovendo nel rispetto delle regole e non intende infrangerle. Sorprende quindi l’attacco del dottor Amadio con parole e toni che travalicano la buona educazione e il rispetto. Ma ciò non cambia il modus operandi di questa Amministrazione, che opera, si ribadisce, nel rispetto della legalità: di conseguenza gli uffici stanno lavorando per il rilascio dell’accreditamento della struttura entro il fine settimana. Nessuno finora aveva completato questa procedura. Per quanto attiene invece alla questione debitoria, non corrispondono al vero le cifre sostenute dal Dg del S. Lucia: la Regione con il decreto 75 dello scorso 6 marzo firmato dal commissario Zingaretti ha riconosciuto alla struttura, in esecuzione di una sentenza del Tar, 51 milioni per la remunerazione relativa al solo 2007. Gli uffici stanno elaborando gli ultimi controlli anche per verificare quanto di questa somma sia già stato pagato oppure ceduto a banche o finanziarie».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

 

È SUCCESSO OGGI...

Tragedia a Roma, si schianta contro le auto in sosta: morto

Traffico in tilt e soccorsi sul posto. Grave incidente dopo le 13 in via della Pisana dove un uomo a bordo della sua auto è stato ritrovato morto. Secondo quanto si apprende dal Messaggero il...

Individuato truffatore a Palestrina

Anche negli oltre 10 comuni di competenza della Compagnia Carabinieri di Palestrina tra cui, Zagarolo, San Cesareo, Gallicano Nel Lazio, Poli, Capranica Prenestina, San Vito Romano, Olevano Romano, Palestrina, Genazzano e Cave, si sta...
incidente Pontina

Travolta in strada a Roma: donna gravissima

Una donna è stata investita in via dei Prati fiscali, all'altezza di largo Valtournanche a Roma. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani del III Gruppo Nomentano. La donna, rimasta gravemente ferita, è stata...
cronaca di roma torpignattara

Omicidio delle tre sorelline, indagati a Roma due rom

La procura di Roma ha iscritto due persone nel registro degli indagati in relazione al rogo nel quale sono morte le tre sorelle Halilovic. Gli indagati sono due rom, idetificati grazie alle telecamere di...
Controlli dei Carabinieri

Oltre 6 chili di droga: 2 arresti vicino Mentana

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Monterotondo hanno arrestato un 53enne del posto ed un 36enne, di Fonte Nuova, entrambi già noti alle forze dell’ordine, per detenzione ai fini di spaccio di...