Sanità, il Santa Lucia: Regione ci ascolti o ospedale chiuderà

Grido di allarme del direttore generale Amodio. Ma non ci sarà chiusura: la Regione sta completando l'accreditamento

0
322

«La Regione Lazio non ci può prendere per il collo e farci chiudere o trasformarci in una Rsa. Deve rispettare le sentenze e pagare i debiti». Lo ha detto, all’agenzia Dire, il direttore generale della Fondazione Santa Lucia, Luigi Amodio, parlando della situazione della struttura di via Ardeatina. «Ci sono sentenze del Tar e del Consiglio di Stato che intimano alla Regione Lazio di pagare quanto dovuto alla Fondazione (circa 100 milioni di euro, ndr), ma da mesi andiamo avanti solo a riunioni inconcludenti con i commissari e i funzionari della cabina di regia- racconta Amadio- Zingaretti non lo vedo da luglio dello scorso anno. L’autorizzazione all’accreditamento è fermo da otto mesi e non si muove una foglia. Ci hanno ridotto del 40% l’acconto mensile che era già insufficiente. Finora siamo riusciti a pagare gli stipendi, ma ora non sappiamo più come fare».

TONI FORTI DALLA DIRIGENZA SANTA LUCIA – Secondo Amadio «nelle intenzioni della Regione c’è quella di trasformare il Santa Lucia in una Rsa, ma noi da 53 anni abbiamo un’esperienza sulla riabilitazione di grande complessità. E’ impensabile cambiare e gettare tutto alle ortiche. Allora meglio chiudere. Tra l’altro a Roma ci sono tante strutture vuote o inutilizzate che potrebbero assolvere al compito di Rsa, come il Forlanini». Il coordinamento Salviamo l’ospedale Santa Lucia si sta nuovamente mobilitando.

DALLA REGIONE RISPOSTA CHIARA – Pronta la risposta della Regione che in una nota ha spiegato che «non ha alcun interesse a interrompere la proficua esperienza dell”Irccs S. Lucia»: «La Regione Lazio si sta muovendo nel rispetto delle regole e non intende infrangerle. Sorprende quindi l’attacco del dottor Amadio con parole e toni che travalicano la buona educazione e il rispetto. Ma ciò non cambia il modus operandi di questa Amministrazione, che opera, si ribadisce, nel rispetto della legalità: di conseguenza gli uffici stanno lavorando per il rilascio dell’accreditamento della struttura entro il fine settimana. Nessuno finora aveva completato questa procedura. Per quanto attiene invece alla questione debitoria, non corrispondono al vero le cifre sostenute dal Dg del S. Lucia: la Regione con il decreto 75 dello scorso 6 marzo firmato dal commissario Zingaretti ha riconosciuto alla struttura, in esecuzione di una sentenza del Tar, 51 milioni per la remunerazione relativa al solo 2007. Gli uffici stanno elaborando gli ultimi controlli anche per verificare quanto di questa somma sia già stato pagato oppure ceduto a banche o finanziarie».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

 

È SUCCESSO OGGI...

Maccarese, al Castello Miramare tra sport e una serata senegalese

Mondofitness raddoppia. Oltre alla tradizionale location dello stadio Paolo Rosi il Villaggio più sportivo della Capitale sarà anche nello splendido scenario del Castello Miramare di Maccarese (via di Praia a Mare Maccarese), per accogliere...

Arrotonda la pensione spacciando nel parco: fermato 66enne

Continuano i controlli della Polizia di Stato nella zona di Colli Aniene: gli agenti del commissariato San Basilio, diretto da Agnese Cedrone, hanno arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti un pregiudicato romano di...
centro commerciale Roma nord

Tivoli, in via Empolitana sarà avviata la seconda fase dei lavori

Da domani, mercoledì 26 luglio, in via Empolitana sarà avviata la seconda fase dei lavori per il rifacimento della rete idrica e della sede stradale. Terminato il tratto iniziale, la seconda fase del cantiere riguarderà...

Amalgama, grandi opere pubbliche: nuovi casi di corruzione

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito una nuova ordinanza, che dispone una misura cautelare e un sequestro preventivo di beni, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma...

Via di Portonaccio e multe sulla preferenziale, Codici: «11 milioni nelle casse del Comune...

«Via di Portonaccio che dal 2 maggio 2017, si è trasformata in corsia preferenziale verso Via Tiburtina, con telecamere di sorveglianza attive 24 ore su 24, si sta rivelando una vera e propria croce...