Allarme allergie a Roma: un nuovo rimedio per combatterle

0
93

Secondo un”indagine Istat del 2012, il numero di alunni/studenti affetti da asma e malattie allergiche nelle scuole del Lazio e” pari a circa il 105.000. Un campionamento sulla somministrazione di farmaci a scuola effettuata tra aprile e giugno e 2013 ha evidenziato come, nelle 636 scuole che hanno ricevuto richiesta di somministrazione dei farmaci il totale delle richieste e” stato pari a 1.231 (886 nella scuola primaria e 367 nella secondaria di I° grado). Ci sono stati nei tre mesi dell”indagine 228 casi di emergenza e 122 le chiamate al 118 e di queste 22 hanno esitato con il trasferimento dell”alunno presso una struttura sanitaria.

IL CONVEGNO ALLA REGIONE LAZIO – Sono i dati emersi nel corso del seminario ”La regione Lazio e le iniziative avviate nell”anno europeo dell”aria”, tenutosi questa mattina presso la Sala Mechelli del Consiglio regionale del Lazio. Nel corso dell”incontro, organizzato nella Giornata nazionale del Paziente allergico, promossa da Federasma Onlus, Alama in collaborazione con l”associazione Prima, e” stata presentata la proposta di legge regionale per l”istituzione di presidi sanitari scolastici e norme per la prevenzione ed il controllo delle malattie allergiche e dell”asma bronchiale, firmata dal consigliere regionale del Pd Riccardo Agostini. “La prevenzione dell”asma e delle malattie allergiche deve entrare nell”agenda politica regionale- ha detto Agostini- affinche” vengano sviluppate ed attuate politiche che garantiscano la reale tutela dei pazienti asmatici e allergici attraverso una rete di prevenzione e assistenza socio sanitaria che coinvolga tutti gli ambiti della vita domestica e scolastica del paziente. Per questo la legge prevede, tra le altre cose, l”assistenza a scuola da parte di personale qualificato in grado di riconoscere i sintomi e abilitato alla somministrazione dei relativi farmaci, ed evitando cosi” la necessita” della presenza dei genitori”.

IMPATTO ALTISSIMO SUGLI STUDENTI – L”impatto di queste patologie croniche sulla collettivita” e” altissimo – ha proseguito il consigliere regionale del Partito democratico, membro della commissione sanita”- soprattutto perche” colpiscono in genere i pazienti in eta” precoce, che necessiteranno di assistenza per un considerevole numero di anni. Il diritto alla salute e all”istruzione dei ragazzi affetti da malattie croniche che necessitano di interventi di tipo sanitario durante l”orario scolastico rappresenta lo strumento necessario a garantire il diritto alla salute e all”istruzione in termini di eticita” ed appropriatezza degli interventi”. Il presidente della commissione Politiche sociali e Salute, Rodolfo Lena, annunciando una rapida calendarizzazione della proposta, al fine di inviarla quanto prima all”esame dell”Aula, ha dichiarato ”Leggendo i dati raccolti in occasione dell”anno europeo dell”aria”, abbiamo appreso che la maggior parte dei cittadini comunitari (56%) ritiene che la qualita” dell”aria sia peggiorata negli ultimi 10 anni. In Italia e” di questa opinione addirittura l”81% degli intervistati. Ed e” un obbligo, per noi, intervenire a livello legislativo per tutelare la salute dei piu” giovani, di chi e” palesemente piu” indifeso, come i bambini in eta” scolare. Crisi asmatiche e respiratorie sono esperienze ben note a tutti i genitori: e” quindi necessario che le scuole, dove i nostri figli trascorrono gran parte della giornata, siano adeguatamente attrezzate per favorire un rapido intervento in situazioni di emergenza, anche attraverso la possibilita” di somministrare farmaci”.

IL NUOVO METODO RIVOLUZIONARIO – Alcuni ricercatori hanno sperimentato un innovativo filtro nasale capace di proteggere dalle allergie stagionali. Questo filtro denominato Rhinix si è dimostrato efficace.

I PRODOTTI DA BANCO – I prodotti da banco contro le allergie sono numerosi, da quelli che contengono antistaminici per uso topico, per trattare irritazioni cutanee localizzate, ai veri antistaminici per uso orale da utilizzare per brevi periodi. Esistono, inoltre, colliri e spray nasali vasocostrittori che agiscono come decongestionanti e possono aiutare ad attenuare i fastidi.
Che possono ridursi anche seguendo alcune semplici precauzioni, come evitare di uscire nelle ore di maggiore concentrazione dei pollini o all’inizio di un temporale (gli eventuali fulmini “rompono” i pollini e li fanno penetrare più in profondità nelle vie aeree, provocando crisi più gravi), cambiare aria in casa aprendo le finestre al mattino presto o la sera tardi, viaggiare in auto con i finestrini chiusi, lavare più spesso pavimenti e lenzuola, ridurre il contatto con tappeti, peluche e tappezzeria.
Infine, essenziale consultare i calendari pollinici per la propria zona: si trovano sul sito dell’Associazione Italiana di Aerobiologia e indicano con precisione le quantità dei diversi pollini dispersi nell’aria, aiutando gli allergici a “pianificare” meglio le proprie attività all’aperto e anche l’uso dei farmaci sintomatici.