Nettuno, invalida senza casa e sussidi chiede aiuto

0
137

È l’ennesima storia di emarginazione sociale. Come per il caso di Mauricio Cella (leggi l’articolo) di mezzo c’è ancora uno sfratto e la mancanza di un lavoro. Ma questa volta parliamo di una persona invalida. Silvia Elviretti, 33enne di Nettuno, da un anno è stata sbattuta fuori di casa senza una prospettiva per il futuro.

LA STORIA – Tutto ha avuto inizio con la perdita del posto di lavoro da parte del compagno. Da lì sono iniziati i problemi economici. Nel giro di pochi mesi è arrivato lo sfratto. Silvia abitava in un appartamento di via Ambra 3 nella zona di Scacciapensieri. Vano qualsiasi tentativo di mediazione col proprietario di casa. Il Comune e gli assistenti sociali rimanevano l’unica alternativa. «Abbiamo scritto più volte al sindaco Chiavetta ma abbiamo ricevuto solo promesse. Poi – aggiunge – negli ultimi tempi ci hanno sbattuto anche la porta in faccia. Il mio caso non sarebbe così grave per questi signori, di fatto vengono prima gli immigrati a cui riconoscono tutti i diritti compresi quelli ad avere un luogo di residenza e un tetto sotto cui dormire. Io e il mio compagno – aggiunge – abbiamo dormito anche in auto e oggi solo grazie alla solidarietà dei nostri amici riusciamo a sopravvivere. Ciò che chiediamo è un sussidio e un posto dove andare. Ne abbiamo diritto».

L’INVALIDITÀ E I PROBLEMI DI SALUTE – Silvia non può lavorare. Da due anni e mezzo ha smesso perché impossibilitata. Ha problemi gravi alla schiena, è stata sottoposta a due interventi chirurgici che non sono andati totalmente a buon fine e ha dovuto patire pure un’infezione post operatoria. Oggi solo gli antidolorifici e la compagnia del suo cane gli consentono una vita dignitosa. Lo Stato gli ha riconosciuto solo il 67% di invalidità civile, appena 7 punti al di sotto la soglia di quel 74% che consente a tutte le persone con problemi di salute di usufruire di un contributo di 200 euro mensili. «La mia battaglia non finisce certo qui – ribatte Silvia. Torno a fare il mio appello affinché il Comune ascolti la mia storia. Mi hanno emarginato ed escluso dalla società Voglio riprendermi la vita che mi spetta».

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU NETTUNO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”46″]