Approvato il “patto di gemellaggio” fra Subiaco, Norcia e Cassino

0
1130
Gemellaggio, Subiaco, Norcia, Cassino.jpg

Ad acclamazione è stato approvato in Consiglio Comunale il Patto di gemellaggio fra le città benedettine di Subiaco, Norcia e Cassino.
La medesima deliberazione è già stata licenziata dal Consiglio Comunale di Cassino e nei prossimi giorni ciò sarà fatto da Norcia.
Il Patto solenne, incentrato sui valori della Pace, dell’Europa derivanti dall’eredità di San Benedetto, sarà sottoscritto dai Sindaci delle tre città a Bruxelles e troverà adesione formale anche da parte del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani.
Tutto ciò avverrà proprio nella ricorrenza dei 60 anni dai Trattati di Roma, considerati istitutivi dell’UE, nei quali le città benedettine troveranno una centralità ed un riconoscimento internazionale, come luoghi fondamentali per la costruzione dell’Unione Europea dei popoli.
Il Sindaco Francesco Pelliccia nella sua presentazione ha voluto ricordare come ciò rappresenti un traguardo importante avviato con l’istituzione della “fiaccola benedettina”, a seguito della proclamazione di San Benedetto Patrono Principale d’Europa fatta da Paolo VI nel 1964, riconosciuta nella sua alta valenza da Papa Giovanni Paolo II che, nel 1980, nella ricorrenza del XV centenario della nascita del grane Patriarca ebbe a dire: “Nello stesso tempo si può e si deve dire che, insieme a lui nasceva in un certo senso una nuova epoca una nuova Italia, una nuova Europa.”
“Nel 1989 – ha ricordato il Sindaco – la fiaccola assunse la denominazione di “Pro Europa Una” e nel 2002 si aggiunse il titolo di “Pro Pace”, quando essa varcò i confini europei per raggiungere l’America, l’Australia e l’Asia. La collaborazione tra le tre città benedettine c’è sempre stata, ma legata piuttosto ad eventi specifici e mai con una continuità strutturata. Dopo anni in cui la città di Subiaco era uscita fuori dal contesto, dal 2011 abbiamo voluto fortemente riaccendere forti i legami di amicizia, fraternità e di prospettive comuni. L’11 Luglio 2013 le tre città, per la prima volta, dopo il 1979 in cui era stato istituito un consorzio per i festeggiamenti del XV centenario della nascita di S. Benedetto,  si legarono formalmente, attraverso un “Patto di amicizia”, sancito dalle Assise Comunali. Oggi questo legame, insito nella storia della nostra città e delle terre di Norcia e Cassino diviene irreversibile, con un formale Patto di Gemellaggio, l’atto di più alto valore nel campo del legame tra le città.
E stavolta sarà proprio la massima assise europea ad imprimere un valore ancora più alto a tale atto che rimarrà nella storia delle tre città.

È SUCCESSO OGGI...

tuscolano

Roma, cane litiga con i padroni e si riifuta di rientrare a casa

Litiga con la padrona e si rifiuta di rientrare in casa. Questa l'incredibile storia di un anziano cane di razza yorkshire soccorso dai vigili del fuoco dopo la segnalazione di alcuni passanti. La notizia è...

Roma, colpisce al volto una donna per derubarla

Un agente della polizia penitenziaria libero dal servizio, in via Tiburtina, ha assistito allo scippo di una borsa nel corso del quale il malvivente, per vincere la resistenza della vittima, l'ha colpita al volto....
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Tor Pignattara, sorpreso a spacciare hashish agli arresti domiciliari

Nemmeno gli arresti domiciliari cui era sottoposto da tempo lo hanno persuaso a rimanere lontano dai guai. Un 35enne originario di Aversa con numerosi precedenti penali è stato nuovamente arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma...
yorkshire testaccio cane pompieri

Yorkshire litiga con la padrona e rifiuta di rientrare a casa: pompiere fa da...

Divertente episodio, nel pomeriggio di ieri, nel cuore del quartiere popolare di Testaccio, a Roma. Nel balcone di un appartamento di via Giovanni Battista Bodoni 80 l'insistente e prolungato abbaiare di un cane, uno...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Arrestata a Roma borseggiatrice “da record”

I Carabinieri della Stazione di Roma Quirinale hanno arrestato per la 44esima volta una donna di 25 anni, di origini slave, domiciliata nel campo nomadi di via Pontina, all’opera, facendo anche da tutor ad...