Roma Olgiata: i cittadini vogliono la pulizia del parco di via Ploner

0
126

Una palestra all’aperto, un’area giochi per bambini e un’area per cani. Questo è il parco attrezzato, all’altezza di via Ploner, che potrebbe essere una grande risorsa per i cittadini di via Tieri, una traversa di via Cassia nel Municipio XV. Ma purtroppo non è così a causa di una situazione di grave degrado. Gli attrezzi e la zona adibita a palestra sono in stato di abbandono; i giochi per i bimbi sono rotti e coperti di scritte; le panchine sono divelte e una fitta vegetazione ricopre l’area per i cani, piena, come se non bastasse, anche di rifiuti di vario genere. Per questo i residenti della zona hanno richiesto, tramite la Commissione competente del Municipio XV, una pulizia urgente del parco aperto nel 2010.

Finora, però, non sono arrivate risposte: «Manca la manutenzione dei giochi e della palestra. Nella primavera scorsa era cominciata l’installazione dell’illuminazione notturna che però si è fermata ai pali – racconta Giovanni Giallombardo, rappresentante del comitato di quartiere di via Tieri – Sarebbero necessari una periodica manutenzione, una recinzione dell’area giochi e la presenza di custodi». Se il Comune non ha le risorse necessarie per intervenire, il comitato propone una soluzione alternativa: «Si potrebbe adottare, almeno per l’area giochi, il sistema del “Parco degli Amici” della zona Ipogeo degli Ottavi – spiega Giallombardo – affidato dalla Provincia a due persone volontarie che lo curano con grande dedizione ed efficienza». Ma questo non è l’unico problema di via Tieri: la strada, che collega la Cassia con la Braccianese, da anni è meta di persone incivili che abbandonano lungo i marciapiedi ogni tipo di rifiuto, trasformando periodicamente la zona in una discarica a cielo aperto.

A settembre si è svolta l’iniziativa promossa dal Municipio XV “Il tuo quartiere non è una discarica”, e via Tieri è stata scelta per questa speciale raccolta rifiuti grazie alle numerose segnalazioni dei cittadini. «Dopo la pulizia straordinaria, la situazione della raccolta dei rifiuti è in parte migliorata, pur con alti e bassi. All’inizio di settembre c’erano cumuli di rifiuti, una vera e propria discarica – racconta Giallombardo – Via Tieri resta e resterà una strada utilizzata da molti per scaricare anche illegalmente i rifiuti, ragione per cui la situazione è sempre precaria. Spesso ci imbattiamo in camioncini che scaricano di tutto e, purtroppo, siamo noi residenti a essere costretti a invitare queste persone ad allontanarsi, con tutti i rischi che ne conseguono». Secondo il comitato esiste un solo modo per risolvere il problema rifiuti una volta per tutte:

«Al presidente Torquati abbiamo chiesto di sollecitare l’inizio della raccolta differenziata porta a porta nel nostro municipio – spiega Giallombardo – e il Comitato di Via Tieri ha proposto il nostro quartiere per avviare un’eventuale sperimentazione». Infine, resta il problema della sicurezza: via Tieri è una strada molto ampia e pericolosa perché le macchine sfrecciano a tutta velocità e negli ultimi anni si sono verificati molti incidenti. «A tale proposito abbiamo presentato al presidente Torquati un dossier in cui chiediamo di metter in sicurezza la strada, proponendo la realizzazione di attraversamenti pedonali rialzati oppure l’installazione di autovelox – conclude Giallombardo – Il nostro scopo è far capire alle istituzioni che in questa strada di quartiere, ormai diventata una tangenziale, la qualità della vita è peggiorata. E peggiorerebbe ancor di più nel caso in cui fosse realizzato il ponte di collegamento tra via Conti e Via Tieri, costruzione alla quale ci opporremo per queste ragioni».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]