Rimozioni auto a Roma, Palumbo: «Da costo zero a 2 milioni di spese e nessuna certezza»

0
399
rimozione

“Oggi in Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza l’Assessore Linda Meleo ha annunciato che il servizio rimozione auto sarà internalizzato in Atac senza precisare modalità e tempi ma solo un costo di 2 milioni.

E’ passato un anno, ma al di là dell’ennesimo annuncio nessuna certezza. Intanto l’indeterminatezza sui tempi di avvio del nuovo servizio oltre ad esasperare la situazione della viabilità, dove sempre più frequentemente si registra il malcostume del parcheggio selvaggio o in doppia fila, aggrava ulteriormente i costi  delle rimozioni discontinue effettuate attraverso disposizioni della Prefettura che puntualmente gira le fatture del singolo servizio all’amministrazione comunale. E’ evidente che il pagamento a chiamata per questo servizio ha un costo sproporzionato rispetto a quello di un servizio in affidamento regolato da una delibera di giunta.

Restano inoltre incerte anche le soluzioni  relative ai 60 dipendenti che dal 3 novembre 2015 sono rimasti disoccupati a causa di un contenzioso fiscale di una delle aziende consorziate nel servizio di rimozione auto che ha impedito il rinnovo dell’affidamento. Il richiamo alla legge Madia ancora una volta non c’entra nulla con la tutela del lavoro.

Nonostante le promesse fatte nel febbraio scorso dal Presidente della commissione mobilità Enrico Stefano oggi  l’assessore Meleo sembra fare  marcia indietro sul reintegro e l’occupazione del personale del Consorzio Laziale Traffico  che rendeva un servizio a costo zero per l’amministrazione capitolina fornendo sia i carroattrezzi che i  blocca ruote. I due milioni di stanziamento annunciati oggi dall’assessore Meleo  per il servizio rimozione aggravano i costi sopportati dall’amministrazione rispetto a quello che era un servizio reso gratuitamente.”

Così in una nota il consigliere del PD capitolino Marco Palumbo

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...