Codici: «Scandalo strisce blu a Colleferro»

0
482
strisce blu aumento

Dura note da parte dell’associazione Codici contro il Comune di Colleferro sulla gestione dei parcheggi.

«Grossi problemi per gli automobilisti alle prese con i parcheggi e le strisce blu – si legge in un comunicato. E’ diventato estremamente complicato parcheggiare lungo le vie del comune laziale non per mancanza di posti auto ma per mancanza di parchimetri e trovare un biglietto può divenire un’ardua impresa.
La gestione delle strisce blu è stata affidata ad Aziende Speciali del Comune – continua ancora la nota. In assenza di parchimetri, l’automobilista che ha appena posteggiato la sua auto, è costretto a rivolgersi agli addetti preposti alla vendita, che sono dipendenti dell’azienda speciale del Comune che ha in gestione il servizio oppure ai negozi circostanti, anch’essi autorizzati alla vendita dei biglietti.

 

La modalità d’acquisto, però, non risulta così semplice – aggiunge Codici.
Molti sono i casi segnalati dai consumatori al nostro sportello di Colleferro: in più di un’occasione il consumatore, in assenza degli addetti alla vendita e non riuscendo a trovare in nessun negozio il biglietto per il parchimetro a causa della limitata disponibilità, viene multato.

Una nostra consumatrice – si legge – ci segnala che avendo comunicato il motivo del mancato pagamento delle strisce blu all’autorità competente, le è stato prontamente risposto che avrebbe dovuto lasciare un bigliettino per spiegare l’accaduto e non avendolo fatto non le restava altro che fare ricorso.
Ma anche fare ricorso diventa una cosa difficile: partendo dal fatto che l’ufficio delle ASCC (Aziende Speciali dei Comuni che gestiscono servizi pubblici) è posizionato lontano dal centro e non ci sono chiare indicazioni su come arrivarci, non c’era nessun dipendente e l’ufficio era chiuso.

Codici segnala il Comune per mala gestione del servizio pubblico erogato ai cittadini, che risulta essere carente ed inconsistente e denuncia l’arroganza degli ausiliari del traffico che invece di raccogliere le segnalazioni dei consumatori e cittadini, pur essendo a conoscenza del fatto che i punti vendita hanno terminato i biglietti, non esitano ad elevare contravvenzioni e a liquidare invitando a fare ricorso.
Chiediamo, inoltre, che venga immediatamente installato il parchimetro per garantire ai consumatori di poter rispettare i propri doveri, avendo però a disposizione tutti i mezzi per farlo».

“Aspettiamo di vedere la Carta qualità dei servizi” dichiara Marina Peretto, avv. Codici Colleferro, “Nel frattempo tutti i consumatori possono rivolgersi alla delegazione Codici di Colleferro, in via Dante, n°6, tel: 0697230068.”

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...

Litorale romano, sgominata associazione finalizzata al traffico internazionale di droga: presa la “Regina della...

Al termine di un’articolata attività investigativa coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia e protrattasi per circa un anno, alla prime ore della mattinata odierna, la Polizia di Stato ha dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia...

Crollo palazzo a Roma, chiesti 3 rinvii e una condanna

La condanna a un anno di reclusione (pena sospesa) per un imputato e tre rinvii a giudizio: sono queste le richieste avanzate dal pm Antonella Nespola al gup Costantino De Robbio nei confronti di...

Roma, Stadio Olimpico sorvegliato speciale: controlli della polizia

Dal mese di agosto in concomitanza con l’inizio della nuova stagione calcistica, il personale della Polizia di Stato - Divisione Amministrativa, diretta da Carlo MUSTI, ha svolto numerosi e mirati controlli straordinari, in relazione...

I profumi del bosco nel piatto, a Canterano è tempo di Sagra del tartufo

Sulle bruschette, sulla pasta fatta in casa e sulle uova. A Canterano è tempo di sapori e di profumi inconfondibili, quelli del tartufo nero pregiato e del tartufo scorzone che esalteranno le ricette proposte...

Banca della terra, così si valorizzano 5mila terreni agricoli

La Giunta regionale del Lazio ha approvato l'elenco dei beni agricoli che rientrano nella Banca della terra. Si tratta di 5.000 terreni agricoli, o a vocazione agricola, nella disponibilita' della Regione Lazio non utilizzati...